Valorizzazione asset immateriali

Valorizzazione significa, non solo commercializzare i propri prodotti e diffondere il proprio marchio in modo sicuro e incisivo, ma anche saperne trarre notevoli vantaggi fiscali e poter presentare un bilancio all’altezza di supportare la competizione nei mercati nazionali ed internazionali.
Francesco Bonini

Il valore aziendale, nel definire l’impresa come organizzazione di risorse tecniche e umane, è costituito da elementi fisici, da capitale finanziario e beni intangibili (il capitale intellettuale).

Conoscere il valore di un asset immateriale è importante per l’azienda per diverse ragioni:

  • per proporre in licenza o dare in cessione brevetti o marchi ad aziende italiane o estere interessate
  • per esprimere un valore dell’asset di per sè in quanto oggetto di iscrizione a bilancio, oppure ancora per conferire tali asset in una costituenda società

Stimare quindi con buona approssimazione il valore di brevetti e/o marchi è molto importante e talvolta basilare per i risvolti economici che può avere una corretta valutazione.

L’attenzione degli operatori economici si è spostata nel tempo dalle componenti materiali del patrimonio a quelli immateriali, riconoscendo un comprovato legame tra successo d’impresa e presenza di intangible assets.
La rilevanza di tali attività è avvertita anche dal Legislatore civilistico e fiscale che ha riproposto recentemente la disciplina del credito di imposta a favore delle imprese che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo.
Quest’ultima agevolazione, peraltro, si aggiunge a quella prevista dal regime opzionale del patent box , in relazione al sostenimento di spese di ricerca e sviluppo finalizzate allo sviluppo, mantenimento e accrescimento dei beni immateriali, disciplinato dall’art. 1, commi 34 a 45, della medesima Legge
n. 190/2014.
A seguito del crescente peso che le immobilizzazioni immateriali stanno rivestendo negli ultimi anni nella letteratura scientifica e nell’ambiente economico, sono state individuate adeguate metodologie di raffigurazione e valorizzazione di tali risorse sia per fornire agli stakeholders appropriate informazioni in ordine ai risultati dell’impresa sia per individuare i fattori chiave di generazione del valore a disposizione del management

Lo Studio Bonini è in grado di utilizzare le tecniche più specifiche e adatte al caso in accordo con gli orientamenti di calcolo della scuola statunitense, per calcolare il valore corretto del proprio brevetto o marchio. Lo Studio, inoltre, grazie alla collaborazione di esperti revisori legali può assistere l’aziende nel percorsi di valorizzazione dei propri beni immateriali.