Il regime Patent Box: agevolazioni fiscali per le imprese che lavorano con beni immateriali

Il regime Patent Box: agevolazioni fiscali per le imprese che lavorano con beni immateriali

è il titolo della conferenza che si è tenuta nel corso del Festival Città Impresa all’Odeo del Teatro Olimpico di Vicenza.
E’ una grande occasione per l’Italia per rilanciare l’attenzione sulla Proprietà Intellettuale e per colmare quel gap in innovazione protetta che, rispetto ad altre nazioni, fa apparire l’Italia agli ultimi posti nella protezione brevettuale.
Gli investimenti di Ricerca e Sviluppo sono essenziali per tutte quelle aziende che intendono mantenersi competitive ed appetibili sul mercato.
Rendiamo disponibili gli interventi dei relatori e, per rendere la visione più efficace, sono stati realizzati più video con i singoli interventi.


Sandro Mangiaterra , giornalista e moderatore dell’incontro, «bisogna ripartire dalla ricerca e dallo sviluppo»


Ercole Bonini , fondatore dello Studio Bonini, «tutti i beni materiali sono la cassaforte dell’innovazione. Gli italiani non hanno meno idee degli altri, ma non sono abbastanza consapevoli dell’importanza dell’innovazione in vista di un ritorno economico »


Raffaella Bisson , coordinatrice VPI-Venice Platform for Innovation and Technology Transfer, «una nuova piattaforma web che permette ai ricercatori di esporre le loro idee e di creare un ponte con le imprese che operano sul territorio»


Paolo De Muri , director presso Adacta. «IGrazie alla legge di Stabilità 2015 è stato ora introdotto un regime opzionale di tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo e/o dalla cessione di opere dell’ingegno, da brevetti industriali, da design e marchi d’impresa»


Ercole Bonini [intervista]


Paolo De Muri [intervista]