Studio Bonini, uno studio storico d’eccellenza che tutela gli innovatori italiani

Fondato nel 1980, affianca le aziende che desiderano depositare brevetti o registrare marchi. Dalla sua fondazione, la società ha supportato numerose aziende con un servizio a 360 gradi

Essere in possesso di un prodotto innovativo è certamente una grande soddisfazione. Tuttavia, per poter commerciare tale prodotto è fondamentale tutelarsi. Come? Ad esempio, attraverso un brevetto, un formidabile strumento giuridico e commerciale per le imprese che protegge l’inventore dal plagio. In questo campo, lo storico Studio Bonini gioca un ruolo fondamentale.

 

CHI SONO
Fondato a Vicenza nel 1980, lo Studio Bonini è nato dalla passione, determinazione e intuizione dell’ingegnere Ercole Bonini. Da allora, più di 4500 aziende si sono affidate a questa realtà, che ha progressivamente allargato nel tempo le proprie attività. Come sottolinea Bonini, è stato importante includere nell’organico dello studio professionisti con formazioni accademiche diverse per poter scrivere e depositare i brevetti in modo impeccabile. Oggi, infatti, lo Studio Bonini vanta la possibilità di poter coprire tutti i rami della protezione della proprietà industriale. La società offre un servizio a 360° per la protezione e la valorizzazione delle opere dell’ingegno, dalla stesura di brevetti al deposito dei marchi, dalla protezione del design sino al copyright, per arrivare all’assistenza legale e alle licenze. Lo studio dispone, inoltre, di professionisti che si occupano di programmi di formazione dedicati alle aziende che desiderano innovare i loro prodotti. Nel corso degli anni, all’ingegnere Bonini si sono affiancati entrambi i suoi figli ed altri professionisti con diverse specializzazioni, offrendo un servizio consulenziale completo mediante un supporto specialistico e personalizzato.

I VALORI
Come racconta l’ingegnere Bonini, all’azienda sta a cuore la formazione di una mentalità innovativa per poter offrire un supporto d’eccellenza ai propri clienti. Non è un caso che, a guidare lo Studio Bonini, siano valori quali la competenza e il rigore. I professionisti specialisti di settore sono costantemente formati sulle più recenti regolamentazioni e modalità di lavoro. Inoltre, la società si impegna a garantire il rispetto del patto di riservatezza da parte di tutti i membri dello studio. Il contatto con il cliente è diretto e costante nella realizzazione dei suoi progetti imprenditoriali.

NEL DETTAGLIO
Registrare un marchio, depositare un brevetto, proteggere un design o un know how sono attività procedurali piuttosto semplici e lineari.

Tuttavia, si tratta di percorsi precisi che implicano un’attività specialistica atta a proteggere al meglio le opere dell’ingegno cercando di sfruttare le opportunità che il mercato offre. L’unicità di ogni prodotto brevettato deve essere ben illustrata e correttamente descritta.

Per essere all’altezza di tale procedura, lo studio Bonini vanta ottimi consulenti in proprietà intellettuale abilitati  anche a livello europeo, i quali non solo hanno le competenze necessarie ma anche una grande esperienza in termini di quantità e varietà di casi trattati. Lo studio Bonini non si occupa solo di deposito brevetti e registrazione di marchi, ma anche di richiesta di finanziamenti e agevolazioni finanziarie e servizio di sorveglianza.

Dopo un primo contatto con l’azienda, lo studio propone un audit di raccolta informazioni/bisogni per definire il progetto mediante un supporto consulenziale.

 

IL FOCUS

La procedura per concretizzare un prodotto
Il brevetto è definito come “la facoltà esclusiva, garantita dalla legge, di produrre, vendere o comunque trarre vantaggio economico da un nuovo prodotto o da un nuovo processo per un periodo limitato di tempo”. L’oggetto del brevetto deve soddisfare condizioni quali: novità, originalità e industrialità. Il titolare di un brevetto ha l’esclusiva sull’invenzione, la produzione e il commercio di un prodotto. L’esclusiva è territoriale (nel paese in cui viene depositato) e ha una durata di circa 20 anni. Come sottolinea Bonini, per  poter allargare il proprio orizzonte di mercato, è bene che un’azienda valuti dove depositare un determinato brevetto, puntando anche all’estero.

 

UNA GARANZIA
Perché tutelare le proprie idee è fondamentale
Secondo l’ingegnere Bonini, è importante che le aziende innovative siano coscienti di possedere un grandissimo potenziale e che, per tale ragione, devono dotarsi di tutti gli strumenti necessari per far sì che i propri prodotti vengano conosciuti, ma in sicurezza. In questi termini, è fondamentale  depositare brevetti, registrare marchi e dotarsi di un copyright. L’ottica sulla quale insiste, inoltre,  Bonini con i suoi interlocutori è che la protezione dovrebbe essere estesa non solo ai Paesi dove l’azienda vende, ma anche a quelli dove potrebbe vendere perché il mercato c’è, anche se al momento non si conoscono gli interlocutori.

 

IN TEMPO DI PANDEMIA
Per poter sopravvivere bisogna rinnovarsi
In questo momento, è importante sapersi rinnovare. Come spiega Ercole Bonini, solo le aziende che riescono ad esportare in Paesi lontani prodotti nuovi e di alto contenuto tecnologico riescono a sopravvivere. Le PMI hanno una potenzialità unica e intuiscono spesso quelle che sono le necessità del mercato. Per poter crescere e continuare a migliorarsi, però, le PMI devono puntare su innovazione e sul deposito di brevetti e marchi, così da non essere plagiate e poter aver un ritorno economico significativo. Come sottolinea Bonini, il deposito di un brevetto non è un costo, ma un investimento che frutta in modo importante.


PUNTARE AI MERCATI ESTERI
In atto un gran fermento: primo segnale di speranza
Con grande sorpresa e piacere, l’ingegnere Ercole Bonini osserva grande fermento nel campo dell’imprenditoria italiana. Sono numerose le aziende che depositano brevetti, ma che soprattutto registrano marchi. Un segnale positivo e di speranza per il Belpaese. In questo momento, come precisa Bonini, le aziende hanno compreso che devono guardare oltre l’Europa a Paesi come la Cina, il Giappone e la Corea del Sud, che stanno uscendo dalla pandemia e continuano a crescere. Per questo motivo, un numero significativo di società deposita il proprio brevetto all’estero puntando ad un mercato fiorente e sicuro.

Leggi l’articolo dalla fonte originale